Sabato a pranzo: Carbonara e Greco di Tufo

Sabato a pranzo: Carbonara e Greco di Tufo

Cominciamo il weekend con un pranzo ricco di sapori

Oggi abbiamo deciso di preparare per pranzo una gustosa carbonara tradizionale (con il guanciale, ovvio!).

Ad un piatto dal gusto intenso ed avvolgente come la carbonara, abbiamo deciso di abbinare un bianco: Il Greco di Tufo.

Ma prima dedichiamoci al nostro primo (che possiamo definire quasi un piatto unico).

Bene, cominciamo!

Ingredienti  per quattro persone

 

Preparazione

Tagliate il guanciale a striscioline spesse 1 o 2 centimetri.

carbonara1

Mettete intanto a bollire abbondante acqua per gli spaghetti, calcolando i tempi in modo che gli spaghetti siano cotti nel momento in cui tutte le altre preparazioni (doratura del guanciale, crema di uova e pecorino) saranno pronte. Salate l’acqua ma moderatamente, ricordando che il guanciale è abbastanza saporito e darà sapidità al piatto.

carbonara6

Servendovi preferibilmente di una frusta a mano, sbattete le uova con quasi tutto il pecorino (il resto servirà a condire a crudo la pasta) in una ciotola bella capiente, in cui dovrete poi versare gli spaghetti cotti per condirli con la crema di uova e pecorino. Se volete, aggiungete un po’ di pepe.

Consiglio: Aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura, per rendere il composto di uova e pecorino cremoso e fluido al punto giusto.
carbonara3

Fate dorare il guanciale in una padella con pochissimo olio. Il fuoco deve essere moderato, perché dovrete fare in modo che il guanciale diventi croccante ma non secco. Ci vorranno più o meno 10 minuti.

carbonara7

Scolate la pasta un minuto prima del dovuto, e fatela saltare il minuto restante nella padella con il guanciale.

carbonara10

Ora versate gli spaghetti nella ciotola con le uova, mescolando velocemente e con un minimo di energia; in questo modo le uova cuoceranno amalgamandosi con gli altri ingredienti e si trasformeranno in una morbida crema senza grumi. Se vi sembrerà poco cremosa, potrete aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura.

 

Servite subito gli spaghetti alla carbonara, spolverando ogni piatto con il pecorino rimasto e del pepe nero macinato o pestato al momento.

 L’abbinamento

Giallo d’Arles

A questo punto non ci resta che stappare e versare il vino. Abbiamo scelto un vino di cui parlammo qualche giorno fa: il Giallo d’Arles delle Cantine Quintodecimo.

Buon appetito e buon weekend!

(credits: buttalapasta.it)

Fabio Guida

CEO di Followine, quando ha un po' di tempo scrive quattro righe.

Articoli Correlati

Accedi

Registrati

Recupera Password